Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello - /C.F. 05841780827
viale Strasburgo n. 233 - Palermo (PA) Italia
Email info@ospedaliriunitipalermo.it
RICERCA NEL SITO

Posta Elettronica Certificata

Gli indirizzi di Posta Elettronica Certificati della
AOOR Villa Sofia Cervello sono :

direzionegenerale.ospedaliriunitipalermo@postecert.it

concorsi.ospedaliriunitipalermo@postecert.it

risorseumane.ospedaliriunitipalermo@postecert.it

relazionisindacali.ospedaliriunitipalermo@postecert.it

serviziolegale.ospedaliriunitipalermo@postecert.it

serviziotecnico@pec.ospedaliriunitipalermo.it

fatturaelettronicapassiva@pec.ospedaliriunitipalermo.it

fatturaelettronicaattiva@pec.ospedaliriunitipalermo.it

contabilancio@pec.ospedaliriunitipalermo.it

protocollo@pec.ospedaliriunitipalermo.it

appaltieforniture@pec.ospedaliriunitipalermo.it

Attenzione!

se vuoi contattarci attraverso questi indirizzi PEC ricordati di usare il tuo indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata)

Note e guida all’utilizzo

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è lo strumento che consente di inviare e ricevere messaggi di testo e allegati con lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento.

Essa rappresenta pertanto un sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente la documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l'invio e la consegna di documenti informatici.

"Certificare" l'invio e la ricezione - i due momenti fondamentali nella trasmissione dei documenti informatici – significa:

che nel momento in cui l’utente invia il messaggio, riceve, da parte del proprio Gestore di PEC, una ricevuta di accettazione con relativa attestazione temporale; tale ricevuta costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio;
che allo stesso modo, quando il messaggio perviene nella casella del destinatario, il suo gestore di PEC invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna, con l’indicazione di data ed orario.

Considerato che è garantita l’inalterabilità dell’indirizzo associato alla casella PEC dalla quale si effettua l’invio del messaggio e che un messaggio PEC non può essere alterato nel suo percorso tra il mittente e il destinatario, la firma apposta dal gestore sulla busta di trasporto PEC e le modalità sicure di trasmissione tra gestore mittente e gestore destinatario proteggono il contenuto da modifiche esterne; ne consegue che la PEC ha lo stesso valore legale della tradizionale raccomandata con avviso di ricevimento (garantendo, quindi,l’opponibilità a terzi dell’avvenuta consegna).

Nota bene - Quanto sopra richiede che la comunicazione avvenga tra due caselle PEC. Le e-mail inviate da un dominio convenzionale non certificato, ovvero non PEC (cioè da un normale account di posta elettronica) ad un indirizzo di PEC non assume valore formale e legale e, pertanto, non verrà presa in considerazione da questa Azienda

RIFERIMENTI NORMATIVI

Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 - Codice dell'amministrazione digitale (in particolare l'articolo 54, comma 2-ter, così come modificato dall'articolo 34, comma 1, lettera b) della legge 18 giugno 2009, n. 69, "Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile").
Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 maggio 2009 - Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini.
Decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68.
Sito contenente gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata della Pubblica Amministrazione: